Schiavi

Clive Barker – Schiavi dell’inferno – Recensione

Share Button

Proseguendo nella lettura di Barker, di cui ho già recensito Anime torturate, non potevo che affrontare Schiavi dell’Inferno, la storia da cui è tratto il celebre film Hellraiser, primo di una lunga e fortuna serie che ha reso celebre il personaggio di Pinhead, demone con la testa piena di chiodi, sacerdote del dolore e del piacere, nell’Ordine dei Cenobiti.

Indipendet legions ha recentemente ripubblicato il volume, insieme al suo seguito (Vangeli di Sangue, che sto leggendo e di cui parlerò prossimamente e che mi sta letteralmente conquistando).

Dalla quarta di copertina: La novella da cui è stato tratto il celebre film Hellraiser (1987) e che ha dato vita all’iconico personaggio di Pinhead. L’insaziabile appetito di Frank Cotton per i piaceri più estremi lo ha condotto a risolvere l’enigma della scatola di Lemarchand, un portale in grado di garantire l’accesso a un mondo extra-dimensionale abitato dai Cenobiti, membri di un ordine religioso dedicato a insondabili ed estremi piaceri carnali, che lo hanno imprigionato in uno stato di non-esistenza di eterna tortura e sofferenza. Ma la moglie di suo fratello, Julia, ha scoperto un modo per riportare in vita Frank e liberarlo dalla sua prigione di dolore, anche se il prezzo da pagare sarà terribile. Illustrazione di copertina di Daniele Serra. 185 Pagine. Lingua Italiana

Lo stile di Barker è abbastanza asciutto ed essenziale, pur con tratti di maggior profondità, ma questo non vuole essere un difetto, anzi permette di far scorrere il testo piacevolmente. Forse, solo a tratti rari, il dialogo quasi da scenggiatura cinematografica, avrebbe potuto consentire una più schematica partizione dei personaggi, attraverso una più articolata descrizione dei loro gesti o sentimenti, ma indubbiamente questo avrebbe rallentato il dialogo che comunque è pressoché sempre ben strutturato e funzionale alla narrazione.

Come sempre, Barker infarcisce il testo con elementi sadomasochistici, che ne sono il tratto peculiare e distintivo: diciamo che se la cosa non aggrada, forse è meglio soprassedere dalla lettura di Barker in generale, ma al contempo è una sua peculiare visione dell’orrore. Del resto, il fatto che dei demoni che vogliono torturare le loro vittime, anime e corpo, siano dei carnefici, quasi macellai, capaci di far sopravvivere un corpo durante torture ingegnose a base di uncini, catene, lame etc, non è assolutamente fuori posto nel genere di riferimento, né così lontana dalle cupe atmosfere infernali cui lo stesso Dante Alighieri ci ha abituato in letteratura più alta: i demoni Barkeriani sono più moderni e contemporanei, ma pur sempre dei demoni.

In realtà questa componente è solo una cornice del testo, perché il grosso della trama è incentrato sul rapporto “malato” che unisce Julia e Frank, il fratello di suo marito che sta cercando di ricomporre e liberare dalla prigionia dei Cenobiti: la violenza è quella di una coppia di amanti, perversi e malvagi, molto umana e terrena.

L’idea della Scatola di Lemarchand, un marcingegno capace di aprire un varco tra i mondi, è semplicemente geniale: i Cenobiti sono più raffinati di quanto la pellicola possa far trasparire. Il loro tipo di piacere si manifesta nel risvegliare capacità sensoriali estreme, che Barker descrive con maestria e lucidità.

Guardando il film, fin dalla prima volta, ho sempre pensato che la storia fosse molto più raffinata e originale di quanto il merchandise dei film possa lasciar fugacemente immaginare e questo libro conferma maggiormente l’idea: assai più del film, con quasi un baratro in mezzo, si presenta come una storia horror ben strutturata e scritta magistralmente. Una pietra miliare della narrativa di genere.

L’edizione, come per Anime torturate, è ben curata nonostante il carattere sia lievemente piccolo e la tipologia di stampa non sia eccelsa (la copertina è molto sottile) e potrebbe invogliare ad acquistare le edizioni di lusso, in edizione numerata e limitata, che saranno caratterizzate da carta di qualità, rilegatura e immagine esclusive.

Si legge comunque in poche ore e divorandolo con piacere.

 

 

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *